L’incubo di Hill House – Shirley Jackson

hill house
  • Titolo: L’incubo di Hill House.
  • Autore: Shirley Jackson.
  • Casa Editrice: Adelphi.
  • Pagine: 233.
  • Genere: Romanzo Horror.

Hill House era sempre stata li costruita tra quelle colline con la sua spaventosa architettura gotica come fosse a guardia di un oscuro essere. Ora disabitata ma un tempo forse la sua anima oscura era nascosta dalla quotidianità della famiglia che ne occupava le stanze. Un tempo il suo salone, la cucina e le camere avevano conosciuto la serenità di una famiglia ma gli eventi che ne seguirono portarono la casa a manifestare la sua vera personalità.

Il professor Montague non si definisce un cacciatore di fantasmi, lui è un uomo di scienza e senza prove tangibili non può credere ma la sua passione per il paranormale lo porta alla ricerca delle prove che tanto desidera e Hill House sembra proprio essere ciò di cui ha bisogno.

Montague crea una bizzarra squadra di ricerca, Eleanor, Theodora e il giovane Luke, nipote della proprietaria e un giorno erede di Hill House. Insieme cercheranno le prove di cui ha bisogno il professore.

L’incubo di Hill House è un horror gotico di metà ‘900, definito un classico e uno dei romanzi di fantasmi più popolari del secolo sorso. La scrittura riprende il tema classico degli autori di fine ‘800 con uno scorrimento lento ed elegante. Leggendo L’incubo di Hill House si torna indietro nel tempo, se non collocassimo il romanzo nella seconda metà del ‘900 potremmo sicuramente definire il testo coetaneo di classici del secolo precedente. Ho particolarmente apprezzato la scrittura di questo romanzo perché traspira eleganza e compostezza, nella descrizione degli avvenimenti soprannaturali, la scrittrice, usa una tecnica particolare, i personaggi non  ne sono spaventati bensì deridono le loro paure ma non con lo scopo di sembrare coraggiosi ma quasi per la mancata volontà di dare credito alla Casa pur riconoscendone l’anima oscura.

Per la lettura de L’incubo di Hill House consiglio un infuso di Tè Aromatizzato. Di solito per una storia “oscura” sarebbe più indicato un Tè Nero ma la particolare irriverenza e leggerezza dei personaggi nei confronti dell’anima nera della Casa dà alla storia una strana “leggerezza” pertanto un infuso Aromatizzato è stato la migliore compagnia per la lettura de L’incubo di Hill House.

Buona lettura e buon Tè.

Roberto B.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.